Strumenti personali

Il magazine sull'alimentazione

Sezioni

Skip to content. | Skip to navigation

Tu sei qui: Home / Argomenti / Prodotti tipici

Prodotti tipici

Origini, significato, etimologie e curiosità legate alla festa della rinascita

L'uovo di Pasqua è un oggetto gastronomico tradizionale, divenuto nel tempo uno dei simboli della festività cristiana, assieme alla colomba. In ambito cristiano simboleggia la risurrezione di Gesù dal sepolcro: la tradizione dell’uovo di cioccolato è recente, ma il dono di uova vere, colorate e decorate con disegni o dediche, è legato alla festa pasquale sin dal Medioevo e prima. Fino dall’antichità, infatti, le uova hanno simboleggiato la vita e la sacralità: secondo alcuni miti del passato, i ... Continua a leggere

Dal latino "unio" che sono derivati il francese “olignon” e l'inglese, “onion”.

La storia La tradizione popolare l’annovera tra le “erbe di San Giovanni”, al pari dell’iperico, della ruta, dell’aglio e dell’omerica erba moly, piante magiche del solstizio estivo. Gli antichi Greci l’avevano consacrata alla dea Latona, madre di Apollo e di Artemide; gli Egiziani la propinavano come dieta agli operai che costruivano le piramidi; nel Medioevo era considerata efficacissima contro i malefìci, le streghe e gli spiriti diabolici. Cacciava il malocchio, eliminava le verruche, curav ... Continua a leggere

Specialità abruzzese nota già nel 1547

Questa specialità tipica è diffusa soprattutto nelle aree interne dell’Abruzzo e mostra differenze variabili da zona a zona sia per forma sia per tecniche di realizzazione sia per ingredienti. Entrambe le versioni sia dolce sia salto, prevedono la presenza o di un formaggio fresco canestrato o semi stagionato oppure di ricotta di pecora asciutta.  E’ un prodotto, soprattutto la versione salata, tendenzialmente del periodo pasquale dov’è scambiato tra le famiglie; come richiamo della Passione, si ... Continua a leggere

Disputa aperta tra la cucina italiana e quella austriaca

La Wiener Schnitzel sarebbe stata al centro di una disputa fra la cucina italiana, che la considerava una variante della cotoletta alla milanese portata in patria da Joseph Radetzky al ritorno da un lungo soggiorno nel Lombardo-Veneto (che comunque faceva parte dell'Impero Austro-Ungarico) e la cucina austriaca, secondo cui il piatto sarebbe stato solo una versione della Wiener Schnitzel, appunto, ed imparato a fare dai cittadini di Milano osservando i cuochi dei reggimenti occupanti.  La contes ... Continua a leggere

Dall'Oriente alla Sicilia passando per Venezia

Sui dolci prodotti con pasta di mandorle, presenti in molte parti d’Italia, i più famosi dei quali sono la frutta martorana siciliana, sono sorte moltissime leggende, per lo più inventate da buontemponi o improvvisati cantastorie di paese, per cui è utile sostare un attimo e attingere corrette informazioni. Prima però merita ricordare che la Sicilia è la terra dove il mandorlo (Amigdalus communis L. – Prunus amigdalus B. – Prunus dulcis M.) fiorisce ancor prima che spunti la primavera e non sol ... Continua a leggere

150° anniversario dalla nascita

E’ vero, per correttezza anagrafica dell'Anniversario della nascita, il mese sarebbe stato maggio, ma quali mesi migliori, per omaggiare un grande uomo, se non nel periodo post racconta e post macinazione dei suoi frumenti offrendo idealmente una pagnotta “100% Senatore Cappelli”? Nazzareno Strampelli, il padre della moderna scienza del grano, è nato a Crispiero di Castelraimondo, Macerata, il 29 maggio 1866, nell’anno in cui, a seguito della terza di guerra di indipendenza, il Veneto veniva un ... Continua a leggere

Alimentazione sana e necessità di chiarezza nella filiera

In questi tempi in cui si parla sempre più di alimentazione sana e della necessità che ci sia chiarezza nella filiera produttiva, a San Vittore Olona (MI) questa certezza è garantita dai prodotti a marchio De.C.O (Denominazione Comunale di Origine), grazie all’attivazione di una rete che collega la produzione, con l’attività di trasformazione e consumo finale tramite una filiera produttiva a ciclo chiuso interamente locale. La De.C.O ha lo scopo di tutelare e valorizzare le attività tradizional ... Continua a leggere

Un grande piatto italiano tra storia e leggenda

Un po’ di storia Prima di affrontare con umiltà e con l’aiuto di un celebre buongustaio il tema riguardante il risotto alla milanese, conviene vedere quando il riso è arrivato a Milano e da dove, anche se questi due elementi – l’anno dell’arrivo e da dove è arrivato – non sono totalmente certi, visto che esistono numerose indicazioni fra loro diverse. Si sa che il riso era presente nelle “spezierie”, botteghe dove si vendevano le spezie, già da molto tempo, considerato una vera e propria medic ... Continua a leggere

Diverse tipologie e grande versatilità di un gioiello enologico richiesto in tutto il mondo

L’attuale produzione del vino Marsala a Denominazione di Origine Controllata (DOC) è regolata da un Disciplinare approvato con DPR 02.04.1969, successivamente modificato e aggiornato, fino a giungere all’ultima importante modifica avvenuta con Decreto Ministeriale. 07.03.2014 e si tratta di una modifica importante, come vedremo. Nel corso del tempo, dunque, anche sotto il profilo legislativo oltre che operativo, sempre avendo come base i vitigni locali – per il Marsala Oro: Catarratto, Grillo, ... Continua a leggere

Storia di un pane nato a Torino e attualmente presente in tutto il mondo

Conviene affrontare un approfondimento su questo tema partendo da due riferimenti legislativi dei tempi moderni, perché è negli ultimi cinquant’anni che la legge, citando espressamente questo prodotto da forno, ne ha stabilito le regole di produzione e di vendita, equiparandolo, lo diciamo fin da subito, al pane. Vediamo dapprima il DPR del 30 novembre 1998, n. 502, che all’art. 6 così scrive: ”1. È denominato grissino il pane a forma di bastoncino, ottenuto dalla cottura di una pasta lievitat ... Continua a leggere

Come lo facciamo nelle colline del Prosecco

Lo spiedo è una tecnica preistorica per cuocere gli alimenti, soprattutto la carne e, come in tutte le cose di cucina, nel corso del tempo si sono consolidate varie scuole, presenti nelle aree dove lo spiedo gode di più solida tradizione, fra le quali c’è da sempre la pedemontana trevigiana. La tecnica che qui presento è la più diffusa nel Trevigiano, tramandata da padre in figlio nelle colline del Feletto, alle spalle di Conegliano, nel Quartier del Piave attorno a Pieve di Soligo e ancora a V ... Continua a leggere

Un piatto storico che arriva da molto lontano

La frittata è una delle espressioni ancestrali della cultura alimentare e religiosa precristiana, una preparazione semplice e gustosa continuata  fino ai nostri giorni, avendo superato indenne le mille traversie della storia. Essa era, nei primordi dell’umanità, il dono offerto alle divinità per la ricchezza delle sue simbologie come avevano ben compreso gli antichi progenitori. La frittata è confezionata con l’uovo, che è il simbolo della vita nascente, origine e principio d’ogni essere vivent ... Continua a leggere

Non è quello in lattina ma...

Se l’unico chinotto che conoscete è frizzante e marrone e sta in una bottiglietta un po’ rétro o in una normale lattina beh, vi siete decisamente persi la parte migliore. Il chinotto “prima di finire in bottiglia” è un bell’alberello sempreverde (Citrus myrtifolia), appartenente alla famiglia delle Rutacee, genere Citrus, quindi è un agrume. Ha piccoli frutti sferici, leggermente appiattiti alla base, di 2-4 cm di diametro, disposti a grappolo. La buccia è sottilissima, di colore giallo arancio, ... Continua a leggere

Ti faccio NERO! SPECIALE ADDITIVO COLORANTE E153

Questa rubrica è dedicata ai Prodotti Tipici e da dieci mesi i collaboratori li stanno alternando per presentare ai nostri lettori la bellezza e la tipicizzazione italiana. Questo mese la nostra redazione ha deciso di presentarvi uno speciale su un NON prodotto tipico per gridare al mondo intero lo scandalo che ha invaso l’Italia in questi mesi: scandalo al quale hanno contribuito tutti, Ministero della Salute compreso. Il NON prodotto tipico del mese è il Pane, pizza, panettone, ecc., all’addit ... Continua a leggere

Una storia che vale la pena conoscere

Ci siamo. Da pochi mesi il via ufficiale alla coltivazione di Cabernet Eidos, Cabernet Volos, Merlot Kanthus, Merlot Korus, Sauvignon Kretos, Sauvignon Nepis, Sauvignon Rytos, Fleurtai, Julius e Soréli. Potrebbe sembrare un fantasioso elenco di vitigni esotici riscoperti in qualche antica anfora o in logore pergamene, ma, piuttosto che di tuffo nel passato, dovremmo parlare di futuro. Si tratta infatti delle dieci nuove varietà di vite resistenti ad oidio e peronospora, ottenute e selezionate da ... Continua a leggere

Il dolce natalizio che ha conquistato il mondo

La storia del panettone milanese inizia in tempi molto lontani e, mancando una fidabile documentazione, riportiamo quanto scrive l’Enciclopedia Treccani e poi, più convintamente, a un grande studioso innamorato del panettone. La Treccani, in verità, si limita a riferire due leggende popolari e scrive: “La nascita del panettone è antica. Sul dolce milanese, sono stati diffusi vari racconti. Secondo una prima versione, a fine Quattrocento messer Ughetto degli Atellani, falconiere di Milano, si fec ... Continua a leggere

La signora dell’inverno in abito arancione

All’urlo di “Zucca barucca, barucca calda”, un variopinto gruppo di personaggi attornia un venditore, tal Canocchia. Toffolo - detto Marmottina – offre una fetta di zucca appena uscita dal forno a Lucietta, promessa sposa al pescatore Titta-Nane. Da questo semplice gesto si scatenano una successione di litigi e malintesi, che rappresentano la trama de “La baruffe chiozzotte”, una delle più riuscite opere di Carlo Goldoni, rappresentata a Venezia, al Teatro di San Luca, nel 1762. Celebrata dai p ... Continua a leggere

Antichi vitigni greci, diversi fra loro, ma tutti con il medesimo nome dato loro dalla Serenissima

Uno dei massimi studiosi della vitivinicoltura italiana, Giovanni Dalmasso (1886-1976), in una poderosa opera, ancor oggi attentamente consultata e intitolata  Principali vitigni da vino coltivati in Italia (voll. 5, Roma 1952-1966), quando giunse a scrivere di Malvasia così si espresse: “Se dovessimo anche solo elencare tutti i vitigni che, più o meno legittimamente, portano il nome di Malvasia e quindi cercare di stabilire quali hanno ragione di conservare questo nome e quali no, dovremmo occu ... Continua a leggere

Frutto regale dai semi color rubino

Una sfera dalla buccia coriacea al cui interno sono racchiusi centinaia di semi, preziosi come il loro colore, un rubino acceso. Sulla sommità della sfera, una corona, traccia del calice del fiore. Se c’è un frutto che può fregiarsi dell’appellativo di “regale” è senza dubbio il melograno, capace di attraversare secoli di storia facendosi simbolo mitologico e religioso, oltre che laico, di produttività, ricchezza e fertilità. Citato nella Bibbia come uno dei frutti della Terra Promessa, ricordat ... Continua a leggere

Un frutto di straordinaria bontà prodotto in tutto il mondo

Eterea, dall’incarnato rosato, che lascia trasparire solo in qualche occasione un rossore più marcato e un carattere più deciso. Delicata, mai invadente, ma segno inequivocabile dell’arrivo dell’estate. Tra la frutta di stagione, la regina della tavola è certamente la pesca, capace di moltiplicarsi in varietà dalle infinite sfumature cromatiche e gustative. Originario della Cina, il pesco (Prunus persica), sarebbe arrivato in Europa dalla Persia (da cui la specie prende il nome) poi diffondendo ... Continua a leggere

Una tavolozza di rossi nel litoriale veneziano

Una lingua di terra lunga 15 chilometri, compresa tra il mare Adriatico e la Laguna di Venezia; un’alternanza unica di paesaggi, colori e sfumature che virano dal verde oliva al verde grigio, dall’azzurro tenue al blu deciso del mare, non dimenticando l’ocra, il marrone e il tono sabbia. E’ il litorale del Cavallino, una stretta penisola di origine sedimentaria dolomitica, il cui territorio è il risultato di un’azione secolare compiuta dai fiumi Sile e Piave. La combinazione delle acque dolci de ... Continua a leggere

Un grande vino rosso di antichissima storia

Una rassegna dei vitigni presenti nel Veneto Orientale – soprattutto nelle province di Treviso e Venezia – riserva molte sorprese e volendo stilare una prima classifica si possono dividere i vitigni attualmente coltivati nel territorio in tre gruppi. Nel primo gruppo mettiamo i vitigni di antichissima storia, presenti da secoli se non da millenni, come, fra quelli a frutto bianco, il Grapariol o Rabosina bianca, la Bianchetta, la Perera, la Boschera, la Marzemina Bianca (chiamata in loco Sciamp ... Continua a leggere

Un dolce lombardo che risale al 1339

 Parlare di Pane di miglio o Panigada vuol dire nominare uno dei maggiori miti gastronomici della tradizione lombarda. Suscita sempre un certo timore reverenziale per i secoli di storia e gli avvenimenti che l’hanno accompagnato, legati molto stesso a povertà, guerre, carestie, saccheggi, sommosse popolari o semplicemente intesi come segno di condivisione popolare di buon auspicio di quello che natura poteva dare.  Da Varese a Milano, da Lecco a Como, da Cantù a Bergamo e via cosi; per ogni citt ... Continua a leggere

... è un ortaggio unico e originale. Di straordinaria bontà le “castraure”,primizie che spuntano ad aprile all’apice della pianta.

Il carciofo coltivato in Italia appartiene alla famiglia delle Compositae ed è un grossa pianta erbacea sconosciuta allo stato selvatico essendo il risultato di una progressive selezioni del cardo selvatico (Cardo Cardunculus).  Nel mondo si conoscono oltre 90 varietà coltivate e ce ne sono numerose anche in Italia, come il “Violetto di Ponza”, il “Canarino giallo”, il “Precoce di Jesi”, il “Mazzaferrata”, varietà a diffusione locale, mentre altre sono molto più conosciute, come lo “Spinoso sard ... Continua a leggere

Uno straordinario prodotto dell'agrigentino, introdotto oltre mille anni or sono dagli Arabi.

Ribera è un bel comune della Sicilia in provincia di Agrigento, quasi sullo stesso meridiano di Palermo, ma a sud dell’Isola, sorto nel 1635 per volontà del principe di Paternò, don Luigi Moncada, proprietario di numerosi feudi e dalle idee moderne, che fece giungere nel Piano di San Nicola (ora quartiere di Sant’Antonio) gli abitanti di Caltabellotto, i quali per uscire dal paese erano costretti a percorrere strade quasi impraticabili e molto difficoltose. I terreni di Ribera sono molto fertil ... Continua a leggere
prova 1
Accedi


Hai dimenticato la tua password?
Nuovo utente?

www.slauri.it

prova 1
prova 1
prova 1
« aprile 2017 »
month-4
lu ma me gi ve sa do
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
prova 1
prova 1
prova 1
Ho fatto il pane o l'ho progettato?
…il pane non solo alimento fondamentale dell’uomo per millenni ma legame con il creato attraverso gli elementi primordiali che gli danno vita: acqua, terra, fuoco, vento, sole Perché il pane? Da dove iniziare? E’ una storia un po’ anomala, al di fuori dai percorsi tradizionali, che non prevedono c ... Continua a leggere
Lezione di Arte Bianca n. 19
Quando si parla di sale molto spesso, ci si dimentica di quanto questo minerale abbia fatto la storia sia sociale sia politica dell’intera umanità. Furono forse i primi, gli egiziani, a utilizzare il sale come metodo di conservazione sia della carne sia del pesce. Ricavavano questo minerale sia dall ... Continua a leggere
luce e buio, positivo e negativo, maschile e femminile, Yin e Yang, acido e alcalino.
Da sempre la Vita sulla Terra è stata assicurata dall’equilibrio tra opposti: luce e buio, positivo e negativo, maschile e femminile, Yin e Yang, acido e alcalino. Questi due ultimi aspetti, in opposizione, sono quelli che interessano la nostra finalità, in riferimento all’organismo e quindi al cor ... Continua a leggere