Strumenti personali

Il magazine sull'alimentazione

Sezioni

Skip to content. | Skip to navigation

Tu sei qui: Home / Eventi / Caratterizzazione della qualità e dell'ambiente di coltivazione dell'ortofrutta veneta

Caratterizzazione della qualità e dell'ambiente di coltivazione dell'ortofrutta veneta

ORTOFRUTTA DEL VENETO: FARE QUALITA’, MISURARLA, COMUNICARLA.
Quando 28/09/2016
dalle 17:00 alle 21:00
Dove Biblioteca Internazionale "La Vigna" contrà Porta S. Croce, 3 36100 Vicenza
Persona di riferimento
Recapito telefonico per contatti 0444 543000
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il progetto “Caratterizzazione qualitativa dei principali prodotti ortofrutticoli veneti e del loro ambiente di produzione”, è stato fortemente richiesto dalle Organizzazioni dei Produttori ortofrutticoli e dai Consorzi di Tutela delle produzioni DOP-IGP regionali e affidato a Veneto Agricoltura dalla Regione del Veneto.

L’ortofrutta del Veneto si è “messa in gioco” per misurare e comunicare le caratteristiche nutrizionali dei prodotti e la biodiversità degli ambienti di coltivazione. La Regione del Veneto ci crede e, prima in Italia, ha investito risorse in questo obiettivo di valorizzazione.

Circa 200 le aziende ortofrutticole protagoniste, 24 i prodotti analizzati per 2 annate produttive: le Università di Padova e di Verona ne hanno evidenziato le caratteristiche nutrizionali e salutistiche. Ma non solo: le stesse aziende sono state “sotto la lente” della World Biodiversity Association (WBA), che ne ha osservato e documentato la biodiversità secondo protocolli riconosciuti a livello internazionale. Molte le conferme, ma anche le nuove scoperte, in particolare relative alle analisi della frutta. E non mancano punte di eccellenza anche per quanto riguarda la ricchezza in biodiversità e quindi l’elevata qualità di alcuni ambienti/territori di coltivazione studiati.

Dopo i saluti del presidente Mario Bagnara, interverranno Michele Giannini (Veneto Agricoltura) sulla genesi, lo sviluppo e i protagonisti del progetto, Flavia Guzzo (Un. di Verona – Dipartimento di Biotecnologie) sugli aspetti nutrizionali e nutraceutici della frutta.

Seguiranno le relazioni di Gianfranco Caoduro (World Biodiversity Association) su La qualità degli ambienti di produzione misurata attraverso la biodiversità dell’agro-ecosistema, Maria Gabriella Piras (Veneto Agricoltura) su Le azioni di divulgazione e formazione del progetto e quindi Alberto Storti, esperto del settore, su La biodiversità agraria e il caso della melicoltura in Veneto.

Il convegno rientra nella campagna di comunicazione del progetto: rafforzando il coinvolgimento dei produttori, le iniziative in corso di attuazione si sono rivolte anche ai consumatori, alla Grande Distribuzione e alle scuole.

A conclusione dei lavori, verrà inaugurata la Mostra Pomologica di libri antichi e di varietà di mele, allestita nei locali del piano nobile della Biblioteca Internazionale “La Vigna” e sarà presentato dall’artista Margherita Michelazzo l’evento “ABRACADABRA …” con mostre d’arte ed eventi collaterali sul tema “mela”

 


Salva

Salva

Accedi


Hai dimenticato la tua password?
Nuovo utente?

www.slauri.it

prova 1
prova 1
« dicembre 2018 »
month-12
lu ma me gi ve sa do
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6
prova 1
prova 1
Pranzo di magro perché...
Secondo un’antica tradizione ormai quasi scomparsa, la vigilia di Natale, così come nei giorni che precedono la Pasqua, per una forma di “rispetto” sacrale nei confronti del miracolo che ogni anno si ripete (quello della nascita e quello della risurrezione), si usava, e talvolta ancora si usa, mangi ... Continua a leggere
Convento di Santa Maria Novella a Firenze
Siamo in tempo di Natale. L’atmosfera è quella magica di ogni anno, e il nostro animo è propenso a dimostrare, anche con piccoli segni, il nostro amore, la nostra amicizia, la nostra gratitudine, la nostra generosità, in una società che troppo spesso sembra aver dimenticato questi valori. Sì, un reg ... Continua a leggere
Dalle tradizioni nordiche a quelle mediterranee
La mitologia di una creatura fantastica che affonda le sue radici nelle tradizioni nordiche, ma che deriva da una figura mediterranea: San Nicolò. Dicembre è il mese della magia: la natura addormentata conosce il risveglio e la rinascita del sole con il solstizio, ma è anche il mese che la cristian ... Continua a leggere