Strumenti personali

Il magazine sull'alimentazione

Sezioni

Skip to content. | Skip to navigation

Tu sei qui: Home / Eventi / Pancevuote e Pancepiene nella storia del teatro.

Pancevuote e Pancepiene nella storia del teatro.

Conferenza del drammaturgo e storico del teatro prof. Luigi Lunari.
Quando 15/04/2015
dalle 18:00 alle 20:30
Dove Biblioteca Internazionale "La Vigna" contrà Porta S. Croce, 3 36100 Vicenza
Persona di riferimento
Recapito telefonico per contatti Tel.: 0444 543000, Fax: 0444 321118
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

La Vigna evento

La Biblioteca “La Vigna”, in collaborazione con FITA Veneto, ospiterà la conferenza del drammaturgo e storico del teatro prof. Luigi Lunari “Pancevuote e Pancepiene nella storia del teatro”. Dopo i saluti iniziali di Mario Bagnara e Aldo Zordan, presidenti rispettivamente de “La Vigna” e di FITA Veneto, coordinerà l’incontro la giornalista Alessandra Agosti.

La fame! Nel teatro è un percettibile e onnipresente filo conduttore. La fame... e il cibo, che quella fame sazia. Ma mentre il cibo non sempre c’è, la fame c’è sempre. Certo sarebbe errato cercarne le origini nel teatro tragico
classico: Edipo e Agamennone hanno un sacco di problemi, è vero: ma non quello del pane quotidiano. E’ nell’altro teatro che quel tema si rende presente: nel teatro di origine popolare, bacchico e godereccio, nel quale il momento conclusivo è il banchetto, dove la “fame” - e forse più ancora la sete - trovano finalmente la loro soddisfazione. Il popolo sa bene che cos’è la fame: e di questo si serve – negli Uccelli di Aristofane – per costringervi gli dèi, egoisti e sordi, intercettando a mezz’aria le offerte sacrificali degli uomini e indurli così a più miti consigli. Più o meno in quello stesso tempo (tra il IV e III sec. a.C.), dall’altra parte dell’Adriatico, i romani vengono a contatto con la popolazione campana degli Osci, che a Roma portarono con grande successo un teatro farsesco (detto presto la farsa Atellana) nel quale uno dei quattro personaggi-maschere – latinizzato in Maccus – dava corpo al sogno di ogni poveraccio: quello del mangione, sempre affamato, sempre gozzovigliante, mai sazio. Poi... direi che è storia dei nostri giorni.
Quasi duemila anno dopo, ecco la zanni della commedia dell’arte, ecco Arlecchino, dall’atavica insaziabile fame: lo stesso che troviamo – finalmente nero su bianco – nelle Favole di Flaminio Scala e nelle Fiabe di Carlo Gozzi, e infine in quella stupenda rievocazione di un Arlecchino algerino rivissuto in tutti i suoi caratteri essenziali – fame compresa - nell’Age d’Or del Theatre du Soleil di Ariane Mnouchkine. Alla fine lettura, da parte di Virgilio Mattiello, di due testi di Eduardo De Filippo (la scena della tazzina di caffè da Questi fantasmi e l'apertura di Sabato, domenica e lunedì, dove si parla del ragù).

Accedi


Hai dimenticato la tua password?
Nuovo utente?

www.slauri.it

prova 1
prova 1
« dicembre 2018 »
month-12
lu ma me gi ve sa do
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6
prova 1
prova 1
Pranzo di magro perché...
Secondo un’antica tradizione ormai quasi scomparsa, la vigilia di Natale, così come nei giorni che precedono la Pasqua, per una forma di “rispetto” sacrale nei confronti del miracolo che ogni anno si ripete (quello della nascita e quello della risurrezione), si usava, e talvolta ancora si usa, mangi ... Continua a leggere
Convento di Santa Maria Novella a Firenze
Siamo in tempo di Natale. L’atmosfera è quella magica di ogni anno, e il nostro animo è propenso a dimostrare, anche con piccoli segni, il nostro amore, la nostra amicizia, la nostra gratitudine, la nostra generosità, in una società che troppo spesso sembra aver dimenticato questi valori. Sì, un reg ... Continua a leggere
Dalle tradizioni nordiche a quelle mediterranee
La mitologia di una creatura fantastica che affonda le sue radici nelle tradizioni nordiche, ma che deriva da una figura mediterranea: San Nicolò. Dicembre è il mese della magia: la natura addormentata conosce il risveglio e la rinascita del sole con il solstizio, ma è anche il mese che la cristian ... Continua a leggere