Strumenti personali

Il magazine sull'alimentazione

Sezioni

Skip to content. | Skip to navigation

Tu sei qui: Home / Dì ...la tua opinione / Additivi coloranti

Additivi coloranti

Da qualche mese sta spopolando tra i professionisti la volontà, non sempre lecita, di aggiungere in alcuni prodotti alimentari, additivi coloranti. Cosa ne pensate di questa operazione?

no
E' una operazione di semplice marketing commerciale nata dalla crisi del momento.Permette di vendere lo stesso prodotto ad un prezzo decisamente maggiore.
E' un'esigenza/richiesta nata e voluta solo dai consumatori e quindi gli operatori del settore alimentare si adeguano alla domanda di mercato.
E' un'idea "colorata" per presentare prodotti nuovi e sempre piò accattivanti.
Pur di vendere un prodotto alimentare, nel quale la legge non consente l'aggiunta volontaria di additivi coloranti, si cerca in mille modi di bypassare le leggi e trovare scappatoie legali che rasentano l'illegalità
Altro
Contenuti

Non ci sono elementi in questa cartella.

Accedi


Hai dimenticato la tua password?
Nuovo utente?

www.slauri.it

prova 1
prova 1
prova 1
« luglio 2020 »
month-7
lu ma me gi ve sa do
29 30 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2
prova 1
prova 1
prova 1
prova 1
Il 4 luglio gli Stati Uniti d’America celebrano l’anniversario della loro dichiarazione d’indipendenza, con parate, fuochi d’artificio e barbecue, e questo è ormai noto ai più. Con la Dichiarazione, tredici colonie britanniche della costa atlantica nordamericana dichiararono la loro volontà di ind ... Continua a leggere
Gli addetti ai lavori lo conoscono come BREGANZE TORCOLATO D.O.C. Ci troviamo in Veneto proprio nell’omonima città che dà i natali a questo vino, Breganze appunto. Nome strano certo, Torcolato, che ci porta nell’antica tradizione linguistica veneta. Un vino ottenuto da uve messe ad appassire “intor ... Continua a leggere
Lezione Arte Bianca n. 58
Mi capita molto spesso di leggere dei post senza alcuna valenza scientifica all’interno dei gruppi social. Nessuno corregge la disinformazione riportata, compito che per altro dovrebbe essere degli amministratori per dovere morale, etico e scientifico. Questo, però, succede raramente, in quanto gli ... Continua a leggere