Strumenti personali

Il magazine sull'alimentazione

Sezioni

Skip to content. | Skip to navigation

Tu sei qui: Home / Eventi / Caratterizzazione della qualità e dell'ambiente di coltivazione dell'ortofrutta veneta

Caratterizzazione della qualità e dell'ambiente di coltivazione dell'ortofrutta veneta

ORTOFRUTTA DEL VENETO: FARE QUALITA’, MISURARLA, COMUNICARLA.
Quando 28/09/2016
dalle 17:00 alle 21:00
Dove Biblioteca Internazionale "La Vigna" contrà Porta S. Croce, 3 36100 Vicenza
Persona di riferimento
Recapito telefonico per contatti 0444 543000
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il progetto “Caratterizzazione qualitativa dei principali prodotti ortofrutticoli veneti e del loro ambiente di produzione”, è stato fortemente richiesto dalle Organizzazioni dei Produttori ortofrutticoli e dai Consorzi di Tutela delle produzioni DOP-IGP regionali e affidato a Veneto Agricoltura dalla Regione del Veneto.

L’ortofrutta del Veneto si è “messa in gioco” per misurare e comunicare le caratteristiche nutrizionali dei prodotti e la biodiversità degli ambienti di coltivazione. La Regione del Veneto ci crede e, prima in Italia, ha investito risorse in questo obiettivo di valorizzazione.

Circa 200 le aziende ortofrutticole protagoniste, 24 i prodotti analizzati per 2 annate produttive: le Università di Padova e di Verona ne hanno evidenziato le caratteristiche nutrizionali e salutistiche. Ma non solo: le stesse aziende sono state “sotto la lente” della World Biodiversity Association (WBA), che ne ha osservato e documentato la biodiversità secondo protocolli riconosciuti a livello internazionale. Molte le conferme, ma anche le nuove scoperte, in particolare relative alle analisi della frutta. E non mancano punte di eccellenza anche per quanto riguarda la ricchezza in biodiversità e quindi l’elevata qualità di alcuni ambienti/territori di coltivazione studiati.

Dopo i saluti del presidente Mario Bagnara, interverranno Michele Giannini (Veneto Agricoltura) sulla genesi, lo sviluppo e i protagonisti del progetto, Flavia Guzzo (Un. di Verona – Dipartimento di Biotecnologie) sugli aspetti nutrizionali e nutraceutici della frutta.

Seguiranno le relazioni di Gianfranco Caoduro (World Biodiversity Association) su La qualità degli ambienti di produzione misurata attraverso la biodiversità dell’agro-ecosistema, Maria Gabriella Piras (Veneto Agricoltura) su Le azioni di divulgazione e formazione del progetto e quindi Alberto Storti, esperto del settore, su La biodiversità agraria e il caso della melicoltura in Veneto.

Il convegno rientra nella campagna di comunicazione del progetto: rafforzando il coinvolgimento dei produttori, le iniziative in corso di attuazione si sono rivolte anche ai consumatori, alla Grande Distribuzione e alle scuole.

A conclusione dei lavori, verrà inaugurata la Mostra Pomologica di libri antichi e di varietà di mele, allestita nei locali del piano nobile della Biblioteca Internazionale “La Vigna” e sarà presentato dall’artista Margherita Michelazzo l’evento “ABRACADABRA …” con mostre d’arte ed eventi collaterali sul tema “mela”

 


Salva

Salva

Accedi


Hai dimenticato la tua password?
Nuovo utente?

www.slauri.it

Pane e Pizza

Pianeta pane

Pizzaiolo Tribe

prova 1
prova 1
prova 1
prova 1
« giugno 2021 »
month-6
lu ma me gi ve sa do
31 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 1 2 3 4
prova 1
prova 1
Giochiamo con il cioccolato
Questo mese ho pensato a una ricetta semplice, veloce  e molto originale per stupire i miei nipoti e perché NO le mie amiche. Tartufi di mare, pregiatissimi funghi o variante di cioccolato? Apprezzabilissimi e abbastanza costosi i primi per cui per gli amanti dei dolci, grandi e piccini, non restan ... Continua a leggere
Lezione di Arte Bianca n. 69
              La microbiologia è la scienza che studia i microrganismi e le loro attività quindi in parole semplici i microrganismi (classificazione, habitat, forma, dimensioni, riproduzione, struttura, ecc.) il metabolismo, l’iterazione tra le diverse forme e la relazione con l’ambiente es ... Continua a leggere
Molti prodotti carnei tipici della tradizione culinaria italiana, per consuetudine, sono consumati senza ricorrere alla cottura preventiva come ad esempio il Carpaccio di carne equina, la Tartare di bovino o suino, il vitello all’Albese tipico delle Langhe e la specialità della carne sfilata di Pont ... Continua a leggere