Strumenti personali

Il magazine sull'alimentazione

Sezioni

Skip to content. | Skip to navigation

Tu sei qui: Home / Eventi / Il tempo della musica

Il tempo della musica

Cultura e società nella percezione/rappresentazione del tempo in musica.
Quando 07/05/2015
dalle 16:30 alle 20:30
Persona di riferimento
Recapito telefonico per contatti 0523 - 985253
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

musica 1

Prof. Paolo Corticelli (giornalista, scrittore, docente di comunicazione aziendale all’Università di Milano)

“Progressive sottrazioni di tempo” - Il problema del tempo nella cultura occidentale: il ‘presente’ nella cultura contemporanea.

 Prof.a  Ingrid Pustijanac (musicologa, Università di Pavia)

"Nelle pieghe della durata. Alcune riflessioni sul tempo musicale".

 Prof. Riccardo Dapelo (compositore)

Le forme del tempo:  Musica  come  funzione del tempo. Il ruolo delle  ‘memorie’ nella creazione musicale oltre i limiti dell’ “ascolto”

 Introduce Fabio Torrembini

 PAOLO CORTICELLI

Paolo Corticelli (1949) è nato a Milano, da anni vive e lavora a Peschiera Borromeo. Giornalista, è titolare di una società di consulenza per la comunicazione. Laureato in Scienze e tecnologie alimentari, ben presto si è dedicato al giornalismo, con significative esperienze in quotidiani e periodici. Dagli inizi degli anni Novanta, dopo aver frequentato un corso di semiotica del poeta Giancarlo Majorino, si è dedicato all’analisi del linguaggio. È stato professore a contratto per l’Università statale di Milano (“Comunicazione e azienda” e “Fondamenti di comunicazione” le materie insegnate). Ha pubblicato: Rock 500 album da collezione (Mondadori, 1989) – insieme all’amico e collega Roberto Casalini; Fondamenti di comunicazione (2004, Dispense – Università statale di Milano); Progressive sottrazioni di tempo (Armando, 2007).

 INGRID PUSTIJANAC

Laureata in Musicologia, Dottore di Ricerca in Musicologia e Scienze filologiche (con specializzazione nella musica della seconda metà del XX secolo), è nata a Pola (Croazia), dove ha compiuto gli studi superiori. Ha proseguito la sua formazione musicale e musicologica in Italia, laureandosi in Musicologia nel luglio 2000 presso l'Università di Pavia, Facoltà di Musicologia di Cremona, dove nel 2004 termina anche il Dottorato di ricerca in Musicologia e Scienze filologiche, presentando la tesi intitolata "György Ligeti: riflessione teorica e prassi compositiva" (relatore Prof. Gianmario Borio), basata sullo studio del materiale autografo del compositore, conservato presso la Fondazione Paul Sacherdi Basilea. Nello stesso 2004 ha conseguito inoltre il Diploma di composizione sotto la guida del Maestro Gabrio Taglietti e quello di Musica corale e direzione di coro con il Maestro Francesco Fachinelli Mazzoleni presso il Conservatorio statale di musica "Lucio Campiani" di Mantova. L'interesse per la musica e la composizione contemporanea, approfondito con la frequentazione di numerosi master e seminari di composizione, tenuti dai maestri più importanti del nostro tempo (Gérard Grisey, Helmut Lachenmann, György Ligeti, Salvatore Sciarrino, ecc.), nonché attraverso la partecipazione attiva ai convegni e alle giornate di studio sulla musica del novecento, prosegue a tutt’oggi. Collabora con Università degli Studi di Pavia al programma di ricerca denominato "Storia delle Teorie Musicali e delle Tecniche Compositive Contemporanee". Come compositrice ha vinto il primo premio al Concorso Nazionale di composizione organizzato dal Rotary Club Cremona nel 2011 per il quartetto d'archi Djelo n. 1, che è stato eseguito da musicisti cremonesi.

Sono state inoltre eseguite diverse sue composizioni per formazioni da camera (Notre-Dame per flauto, violino, violoncello e painoforte - 1996, Val per flauto - 1998, Studio n. 1 per fagotto - 200, Studio n. 1 per violoncello ed elettronica - 2002, La materia del ricordo per soprano ed ensemble - 2005. Nel 2005 ha scritto musiche, insieme ad altri giovani compositori allievi del Conservatorio di Mantova e di quello di Brescia, per la sonorizzazione del film di W. Ruttmann "Berlin - Sinfonie einer Groß Normal 0 stadt".

 RICCARDO DAPELO

Si è diplomato in Pianoforte ed in Composizione presso il Conservatorio di Genova. Successivamente si è perfezionato con G. Agosti (pianoforte) e con D. De Rosa ( musica da camera). Si è poi dedicato esclusivamente alla composizione frequentando il corso di Composizione tenuto da G. Manzoni alla Scuola di Musica di Fiesole. Dal 1992 si occupa di informatica musicale e dal 1993 al 1997 ha frequentato il corso di Musica Elettronica tenuto da A. Vidolin al Conservatorio di Venezia, diplomandosi con lode. Sue composizioni vengono eseguite in Italia ed all'estero (Germania, Olanda, Australia, Brasile, Argentina, Stati Uniti, Grecia, Francia) e trasmesse per radio e televisione (Olanda, Germania). Nel 1994 è risultato vincitore del primo premio assoluto al concorso internazionale "Brandenburgische Sommerkonzerte" di Berlino ed è stato segnalato al concorso internazionale "Porrino" di Cagliari . Nel 1995 e nel 1996 è stato selezionato tra i finalisti al concorso Internazionale di musica elettroacustica " L. Russolo". Nel 1996 è stato selezionato tra i finalisti al concorso di Musica Elettroacustica di BOURGES. I suoi lavori attuali sono orientati sia sull'interazione tra strumenti ed elaborazione elettronica dal vivo sia sull'elaborazione della voce umana e della parola poetica (con particolare attenzione alle opere di G. Caproni ed E. Sanguineti), sia sulla ricerca di tecnologie e forme di inte(g)razione di diversi mezzi espressivi (danza, video arte, teatro). Dal 1995 partecipa a concerti con live electronics in veste di esecutore informatico. Dal 1996 è collaboratore del Laboratorio di Informatica Musicale del D.I.S.T. dell'Università di Genova presso il Teatro C. Felice (con il quale ha progettato e curato la sonorizzazione della nuova parte dell'Acquario di Genova). Dal 1999 collabora con lo scultore Pinuccio Sciola in progetti internazionali di installazioni interattive, in varie situazioni espositive (Torino, Frankfurt, La Habana, Hannover Expo 2000). Realizza anche installazioni sonore per spazi museali ed espositivi. Ha al suo attivo diverse pubblicazioni sul trattamento, l'elaborazione, la sintesi e l'analisi della voce umana, sullo sviluppo musicale di emozioni artificiali e sulla spazializzazione. Ha pubblicato diversi lavori su CD (SAM records, Rivo Alto, Tau Kay) ed è edito da Ars Publica. Ha insegnato presso i Conservatori di Genova e di La Spezia ed attualmente insegna Composizione al Conservatorio di Sassari.

Accedi


Hai dimenticato la tua password?
Nuovo utente?

www.slauri.it

prova 1
prova 1
prova 1
« novembre 2019 »
month-11
lu ma me gi ve sa do
28 29 30 31 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 1
prova 1
prova 1
prova 1
Lezione di Arte Bianca n. 50
Il primissimo problema che si presenta nel momento in cui si decide di avviare una produzione di pane, pizza e prodotti da forno in generale, sia a livello amatoriale sia professionale, è quello legato alla formazione dell’impasto.  A livello artigianale, la formazione dell’impasto è un processo dis ... Continua a leggere
Resta quiescente fino a quando...
Il seme è un organo quiescente che contiene la pianta allo stato di embrione. Nel seme maturo l'embrione è formato da: Una due o foglioline embrionali chiamate cotiledoni. Una porzione assile alla cui due estremità si trovano due complessi meristematici, il meristema apicale del germoglio detto ... Continua a leggere
Quando si parla di Novembre, non si può non menzionare i grandi autori della nostra letteratura che hanno dedicato a questo mese un’opera; da Pascoli a Cardarelli, da Carducci a Valeri. Leggendo e rileggendo più volte le loro opere, sembra di rivivere nei particolari i profumi, le sfumature e i dett ... Continua a leggere